I videoconsigli di Fabio

Giovanni Lorenzoni, Le Parole Sono Pietre. Ma Le Pietre Possono Diventare Parole?

Un libro che suggeriamo soprattutto a due tipologie di persone, a chi ama il medioevo e l’architettura medievale e a chi è curioso di conoscere da vicino quella che era, e che per fortuna in molti casi è ancora, la vita del professore universitario: perennemente sospesa tra ricerca e didattica, tra la passione per l’indagine della verità storica e il desiderio di trasmettere questa passione e i suoi metodi alle nuove generazioni.

Il libro attraversa con la prosa energica e brillante di Lorenzoni tutto il medioevo, dalle domus ecclesiae alle prima basiliche costantiniane, dalla Santa Sofia di Istanbul a San Marco di Venezia, da San Vitale a Ravenna alla Cappella Palatina di Carlo Magno ad Aquisgrana, dagli affreschi bizantini di Lombardia a quelli di Giotto, dal romanico padano al gotico.

È anche l’occasione per approcciare la figura speciale di Lorenzoni, che alla prima lezione di ogni corso di Storia dell’arte medievale all’Università di Padova lasciava risuonare pressappoco queste parole: “Non voglio sentire la parola “bello”. Il bello in storia dell’arte non esiste!” Un’affermazione shockante per degli studenti che si accostavano per la prima volta alla storia dell’arte, pensando di avere così il privilegio di “studiare cose belle”; un imperativo che era un richiamo forte ad una storia dell’arte che non fosse mero interesse estetizzante, ma un tentativo serio di investigazione della verità storica e del significato simbolico e quindi politico, religioso e sociale che ogni monumento ha avuto per i contemporanei. Un altro aspetto, poi, della figura di Lorenzoni è diventato il titolo di uno dei capitoli: La rottura di scatole. Sì, perché le scatole che Lorenzoni voleva rompere sono quelle su cui gli storici dell’arte hanno apposto etichette ormai troppo strette e rigide, come quelle di “romanico”, di “gotico” ecc. Perché molti invece sono i romanici, molti i gotici e i confini tra una scatola e l’altra sono tutt’altro che netti e definiti!

Questo libro è l’ultima opera di Lorenzoni, un distillato della sua vita universitaria, pubblicata postuma grazie all’impegno della moglie Anna Lisa Di Mascio e delle figlie Benedetta e Giovanna, oltre che di alcuni colleghi e amici come Xavier Barral e Giordana Trovabene, Chiara Ceschi e Sergio Marinelli.

Ovviamente, per tutti i libri che volete, potete chiederci la consegna a domicilio in tutta Italia: è totalmente gratuita a partire da ordini di 30 euro, e potete ordinare per email e anche via WhatsApp!