Filosofia

Il visibile e l’invisibile

9 pallini blu come logo della libreria

Corso di filosofia

campanella blu

Ogni mercoledì, dal 12 ottobre 2022

orologio blu

Alle 18:00

razzo blu
Dal 12 ottobre 2022
elementi impilati blu
10 lezioni

Prezzi e iscrizione

Senza tessera

150

Con tessera

140

Un quadrato su 4 blu
Sconto Tessera Fedeltà 10€ per persona

Docenti

Martino Dalla Valle

Il corso

Dieci lezioni di filosofia delle immagini

Se nel passato il mondo delle immagini era un mondo a parte, circoscritto all’arte e alla poesia (intesa generalmente come un “parlare per immagini”), o al limite ai sogni e alle fantasie dei singoli, mentre il mondo reale restava saldamente separato da esso, oggi i rapporti si sono rovesciati e il mondo immaginale ha finito per colonizzare quello reale. La fotografia e il cinema prima, il web e le nuove tecnologie digitali poi, hanno dissolto la dura oggettività del mondo in un eterno flusso di immagini. Non c’è aspetto dell’esistenza che sfugga all’impero delle immagini e al suo sottile effetto di irrealtà e di illusione. E così, mentre i profeti del nuovo paradiso digitale intonano il requiem per la carta stampata, la “civiltà delle immagini” ha ormai soppiantato la millenaria “civiltà della parola”. La storia lunga venti secoli del logocentrismo occidentale (dalla Bibbia allo strutturalismo) volge al tramonto. Assistiamo a una svolta epocale: la “rivoluzione iconica” (iconic turn). Una rivoluzione profonda, culturale e antropologica prima che tecnologica: dall’homo loquens all’homo pictor. Eppure molte cose, in questo frangente, ci sfuggono ancora, a cominciare dalla natura delle immagini. Che cos’è dunque un’immagine? Il suo “essere” o la sua “verità”? E qual è il suo posto tra il cielo e la terra, gli uomini e il divino, o tra il visibile e l’invisibile?

PROGRAMMA DELLE LEZIONI

  1. «Non ti farai idolo né immagine alcuna». Verbum e imago nella Bibbia
  2. Immagine e verità. Il problema della mimesi in Platone
  3. Immagine e pensiero in Aristotele
  4. L’immagine mediatrice. Kant e i romantici
  5. “L’angelo della realtà”. Poesia e immaginazione da Keats a Stevens
  6. Oltre la rappresentazione. Heidegger e l’arte
  7. L’immagine e il nulla. La teoria dell’immagine di Sartre
  8. Questo non è una pipa. Foucault e Magritte
  9. L’occhio e lo spirito di Merleau-Ponty
  10. Vedere l’invisibile. Un saggio di Michel Henry su Kandinskij